torna alla homepage
 
Che cosa è l’ iperidrosi?
 

L’ Iperidrosi è caratterizzata da una eccessiva ed evidente sudorazione che può essere focale (localizzata in certe parti del corpo) o diffusa. Dal punto di vista patogenetico (attinente alle cause) si deve distinguere l’Iperidrosi primaria idiopatica dalla Iperidrosi secondaria.

Nella Iperidrosi secondaria, la sudorazione è uno dei sintomi di una malattia che può essere di varia natura. Patologie della tiroide, malattie endocrinologiche, neuropatie autonomiche, patologie tumorali, ecc. possono indurre una Iperidrosi secondaria. In queste forme, in genere, la cura è volta alla patologia di base e solo raramente alla Iperidrosi. Spesso l’ Iperidrosi secondaria ha carattere diffuso, ma talora può anche essere focale.

Nella Iperidrosi primaria idiopatica la sudorazione eccessiva costituisce la patologia. In tale forma, una persona del tutto sana ha una eclatante sudorazione tipicamente localizzata alle mani, ai piedi, alle ascelle, alla fronte, a certe zone del viso e, più raramente, all’inguine. Queste zone corporee non sono sempre tutte interessate; alcuni pazienti possono avere una Iperidrosi completa (che interessa tutti i distretti sopra riportati), altri una forma palmo-plantare, altri ancora una forma ascellare, ecc. Per tale motivo questo tipo di iperidrosi viene anche definita “Iperidrosi focale primaria”.

Bisogna sapere che, anche se più raramente, il paziente può essere affetto da una sudorazione più estesa, che talora può interessare tutto il corpo, configurando quella che viene definita una forma di “Iperidrosi primaria diffusa”.

La sudorazione di chi soffre di Iperidrosi non ha nulla a che vedere con la sudorazione fisiologica termoregolatoria, che si attiva con l’attività fisico/sportiva e con il caldo, ma può solo peggiorare quando ad essa si abbina la sudorazione termoregolatoria stessa (con il caldo in particolare).

L’iperidrosi è dovuta ad una “Iperattività” del Sistema Nervoso Autonomo preposto alla sudorazione cosiddetta “da difesa o emotiva”. I circuiti di tale sudorazione sono presenti in tutte le persone, ma nessuno nota questa sudorazione che è impercettibile. In certi soggetti, però, coloro che sono affetti da Iperidrosi primaria idiopatica, il sistema centrale preposto a questo tipo di sudorazione “funziona troppo” e quindi la sudorazione è profusa ed evidente.

L’Iperidrosi primaria idiopatica è una malattia ad esordio molto precoce (talora esordisce alla nascita, più spesso con l’adolescenza), da cui, in genere, non si guarisce, ma con la quale si deve convivere nel modo migliore e cioè curandosi.

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità a partire dal 1979 ha sviluppato una Classificazione di tutte le malattie denominata ICD (International Classification of Diseases). L’ultima versione di tale Classificazione è la ICD-9-CM ("International Classification of Diseases, 9th revision, Clinical Modification"). In tale versione è classificata anche l’Iperidrosi con i rispettivi codici diagnostici che sono utilizzati dal nostro Sistema Sanitario Nazionale.

Codici ICD9 CM

Nel capitolo Malattie della Cute e Tessuto Sottocutaneo

_ 705.21 Iperidrosi focale primaria

_ 705.22 Iperidrosi focale secondaria

Nella Iperidrosi primaria idiopatica l’entità della sudorazione è tale da creare problemi di carattere pratico, lavorativo, personale e sociale. I soggetti affetti sono portati a sentirsi a disagio ed a “vergognarsi” della loro condizione. Sarebbero disposti a tutto pur di liberarsi del problema.

Da quanto detto si evince che i soggetti affetti da Iperidrosi dovrebbero sempre consultare un medico specialista del campo per fare la giusta diagnosi (escludere le forme secondarie e farsi indirizzare verso la terapia a loro più consona).

Il medico esperto del campo (primariamente il Neurologo perché si tratta di una patologia del Sistema Nervoso Autonomo) dovrebbe consigliare degli esami utili per la diagnosi, sconsigliare terapie empiriche non idonee o “dannose”, prescrivere o attuare le terapie necessarie e seguire il paziente nel tempo.


Purtroppo, nel Sistema Sanitario attuale, le persone affette da Iperidrosi, non trovano facilmente un punto di riferimento medico adeguato, in quanto spesso i medici conoscono poco l’Iperidrosi o non la conoscono affatto. I pazienti per questo motivo tendono a curarsi da soli, scambiandosi notizie ed esperienze, spesso inesatte, poco concludenti, se non dannose.


Dovrebbero essere più diffusi dei Centri Medici specializzati in grado di effettuare test diagnostici e di prescrivere ed attuare le terapie necessarie ai singoli casi. In tali Centri il paziente dovrebbe poter essere consigliato su base scientifica e seguito nel tempo in modo da vivere riducendo al minimo tutte le problematiche, anche di carattere psicologico, conseguenti alla Iperidrosi stessa (ansia, depressione, ecc,).

altre domande e risposte...
COSA CHIEDONO CON FREQUENZA I PAZIENTI ? CHE RISPONDE IL MEDICO ?

notizie precise su pomate o altri prodotti da applicare sulla pelle che tali prodotti sono “antitraspiranti / coprenti”  in genere efficaci nelle forme non molto gravi di Iperidrosi ascellare
dove reperire apparecchiature per la ionoforesi le apparecchiature per effettuare la ionoforesi sono in vendita nei negozi di elettromedicali ed anche su internet  
utilità ed efficacia di rimedi naturali i rimedi naturali non sono efficaci
se vi è correlazione tra febbre ed iperidrosi se l’iperidrosi è primaria, non vi è correlazione tra febbre ed iperidrosi
se possono essere utili degli ansiolitici gli ansiolitici sono sconsigliati
se l’iperidrosi è dovuta a problemi psicologici la psiche può essere coinvolta come conseguenza dei problemi che induce l’Iperidrosi
notizie sulla sostanza chimica responsabile della iperidrosi la sostanza chimica responsabile della iperidrosi è la acetilcolina.
   
   

ASSOCIAZIONE IPERIDROSI
Associazione senza fini di lucro per l’informazione ed il
supporto di coloro che soffrono di iperidrosi

Via Antonio Bertoloni 1/E - 00197 Roma
Codice Fiscale 97297320588

e-mail: informazioni@associazione-iperidrosi.it
www.associazione-iperidrosi.it

Per informazioni scrivi a: informazioni@associazione-iperidrosi.it
Riceverai una risposta al più presto.